mercoledì 25 luglio 2018

GUSTAV KLIMT - Artist of the Century in mostra al Leopold Museum

GUSTAV KLIMT - Artist of the Century
Dal 22/06/2018 al 04/11/2018
Leopold Museum - Private Foundation
Museumsplatz 1
A 1070 Vienna (Austria)


In occasione del centenario della morte di Gustav Klimt, Il Leopold Museum dedica una mostra completa all' "artista del secolo" Gustav Klimt (1862-1918) durante l'anno commemorativo del Modernismo viennese del 2018.

La mostra ripercorre in modo impressionante la sua trasformazione artistica da un pittore che abbraccia il tardo storicismo fino a diventare il più eminente esponente della Secessione di Vienna.

Dalla Secessione Viennese, allo stile di Gründerzeit fino al viaggio in Italia, specificatamente a Ravenna, alla scoperta dell'arte bizantina: ecco che la mostra ripercorre il cambio di paradigma artistico e lo sviluppo di uno stile individuale che divennero evidenti a metà degli anni 1890, quando Klimt creò le prime bozze per gli scandalosi Faculty Paintings per la sala delle cerimonie dell'Università di Vienna. I secessionisti, che ruppero con tendenze conservatrici e spianarono la strada a Jugendstil, fecero di Klimt il loro primo presidente. Con il suo stile decorativo-ornamentale, Klimt divenne il loro rappresentante più importante nonché un ricercato ritrattista delle signore della borghesia viennese. Allo stesso tempo, Klimt è l'esponente delle rappresentazioni femminili altamente erotiche e sensuali. 

La mostra, curata da Hans-Peter Wipplinger in collaborazione con Sandra Tretter, comprende opere delle collezioni del Leopold Museum e della Leopold Private Collection, mostre della Klimt Foundation, nuove opere donate al Museo Leopold da un discendente di Klimt come prestito permanente, così come selezionati prestiti da collezioni austriache e internazionali.








In occasione del centenario della morte di Gustav Klimt, Il Leopold Museum dedica una mostra completa all' "artista del secolo" Gustav Klimt (1862-1918) durante l'anno commemorativo del Modernismo viennese del 2018.

La mostra ripercorre in modo impressionante la sua trasformazione artistica da un pittore che abbraccia il tardo storicismo fino a diventare il più eminente esponente della Secessione di Vienna.

Dalla Secessione Viennese, allo stile di Gründerzeit fino al viaggio in Italia, specificatamente a Ravenna alla scoperta dell'arte bizantina: ecco che la mostra ripercorre il cambio di paradigma artistico e lo sviluppo di uno stile individuale che divennero evidenti a metà degli anni 1890, quando Klimt creò le prime bozze per gli scandalosi Faculty Paintings per la sala delle cerimonie dell'Università di Vienna. I secessionisti, che ruppero con tendenze conservatrici e spianarono la strada a Jugendstil, fecero di Klimt il loro primo presidente. Con il suo stile decorativo-ornamentale, Klimt divenne il loro rappresentante più importante nonché un ricercato ritrattista delle signore della borghesia viennese. Allo stesso tempo, Klimt è l'esponente delle rappresentazioni femminili altamente erotiche e sensuali.

La mostra curata da Hans-Peter Wipplinger in collaborazione con Sandra Tretter comprende opere delle collezioni del Leopold Museum e della Leopold Private Collection, mostre della Klimt Foundation, nuove opere donate al Museo Leopold da un discendente di Klimt come prestito permanente, così come selezionati prestiti da collezioni austriache e internazionali.

0 commenti:

Posta un commento