giovedì 17 maggio 2018

Lettera al mio giudice. George Simenon

La sua mano ha cercato la mia, stringendomi le dita con la stessa lentezza e la stessa tenerezza con cui l'avevo posseduta. Siamo rimasti a lungo così in silenzio.

George Simenon, 
Lettera al mio giudice


0 commenti:

Posta un commento