giovedì 17 maggio 2018

Germinare mondi. Lino Tardia in mostra a Edarcom Europa Roma

Germinare mondi
Lino Tardia
Via Macedonia, 12/16
00179 Roma
Edarcorm Europa
Dal 25 maggio 2018 al 09 giugno 2018


Inaugura venerdì 25 maggio, presso la galleria d’arte Edarcom Europa in via Macedonia 12 a Roma,
la mostra “Germinare mondi”, personale del Maestro Lino Tardia curata da Francesco Ciaffi. A pochi mesi dal compimento degli 80 anni, in un dialogo con l’amico scrittore Franco Campegiani,
Tardia parlerà al pubblico della propria vita e della propria arte.

L'artista, siciliano di nascita ma stabile a Roma fin dagli anni '60, presenterà una raccolta di dipinti
selezionati dalla produzione degli ultimi trenta anni per poter fornire a visitatori e collezionisti una chiave di lettura e di comprensione della propria ricerca.

Lino Tardia - Eco - olio, acrilici e pasta vililica su tela cm. 120x160

Proprio Franco Campegiani, nella presentazione della mostra tenutasi nel 2015 al Museo
Mastroianni di Marino, scriveva che le opere di Tardia “sono delle vere e proprie cosmogonie,
racconti del germinare mondi, l’uno dall’altro, secondo un’incessante e incandescente esplosione
vitale. Un teatro fresco e zampillante, fantasmagorico, che pone in scena la creazione universale, ciò
che affiora e viene alla luce da sorgenti misteriose e incorruttibili. Al contrario del teatro
dechirichiano, che mostra l’eterna consunzione, l’infinito logoramento e l’inappellabile estinzione
delle cose, qui è l’alba della vita a fare la sua apparizione, con quello sdoppiamento (si noti la
frequente divisione della tela in due campiture) che sembra evocare la Madre Fenicia, la sua
capacità di spezzarsi come il pane per dare vita a tutti gli esseri e a tutti i mondi”.

Lino Tardia - In viaggio con i Fenici - tecnica mista su tela cm 180x180

La opere scelte consentiranno di scoprire come, a partire dalla mostra "In viaggio con i Fenici"
tenutasi nel 1996 alla Galleria Comunale d'Arte Moderna di Spoleto, fino a "La scatola dei miti"
allestita nel 2009 presso le sale dell'Appartamento Barbo del Museo Nazionale di Palazzo Venezia
di Roma, la ricerca di Tardia sia stata improntata alla realizzazione di un immaginario figurativo
caratterizzato dall'astratta esaltazione del contrasto di linee, forme e colori.

Lino Tardia - La porta di Itaca (2) - olio, tempera, acrilici, materiale vinilico e foglia d'oro zecchino su tela cm. 100x100

Lino Tardia - Maternità fenicia (2) - olio, tempera, acrilici, materiale vinilico e foglia d'oro zecchino su tela cm. 80x80

L'artista 

Lino Tardia nasce a Trapani nel 1938. Conseguita la maturità artistica, rifiuta l’incarico di docenza
in Discipline Pittoriche al Liceo Artistico di Palermo e si trasferisce a Roma dove frequenta gli studi
di Renato Guttuso e Saro Mirabella. Nel 1955 inizia ad esporre, ottenendo ben presto consensi in
Italia e all’estero. Gli anni Sessanta segnano il suo passaggio dal Realismo all’Informale e ancora
alla Nuova Figurazione, secondo la maniera di Francis Bacon che incontra durante un soggiorno a
Londra. Partecipa a mostre collettive insieme a Guttuso, De Chirico, Sironi, Treccani e altri autori
noti nel panorama artistico internazionale. Espone le sue opere in mostre personali a Londra, New
York, Chicago, Parigi, Huston, Ottawa e Tripoli. Dal 2001 al 2008 è titolare della cattedra di Pittura
presso la RUFA (Rome University of Fine Arts). Nel 2003 il Presidente della Repubblica Carlo
Azeglio Ciampi gli conferisce la Medaglia d'Oro per i Benemeriti della Cultura. Nel 2009, su invito
del Prof. Claudio Strinati, Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico
e per il Polo Museale della Città di Roma, si svolge la grande antologica “La scatola dei miti”
nelle sale dell'Appartamento Barbo di Palazzo Venezia a Roma. Ha preso parte a numerosi premi
nazionali e internazionali. Tra i molti nomi illustri della critica ad essersi occupati del suo lavoro si
ricordano Franco Grasso, Simone Gatto, Luciano Marziano, Gigi Bailo, Elio Mercuri, Giacomo
Ambrosini, Dario Micacchi, Renzo Bertoni, Michele Calabrese, Aldo Gerbino, Salvatore Italia,
Enrico Mascelloni, Renato Civello, Claudio Strinati e Andrea Romoli Barberini.

Lo scrittore Franco Campegiani 

Franco Campegiani vive a Marino, dove è nato nel settembre 1946. Ha pubblicato nella collana di
Mario dell’Arco: L’ala e la gruccia (1975) e Punto e a capo (1976). Nel 1986 ha pubblicato
Selvaggio pallido nelle collane di “Carte Segrete”, con disegni di Umberto Mastroianni. Quindi, nel
1989, Cielo amico, in una collana della Ibiskos inaugurata da Domenico Rea. Del 2000 è Canti
tellurici (“Sovera Multimedia”) e del 2012 Ver sacrum (“Tracce Edizioni”). In campo filosofico, ha
pubblicato nel 2001, con l’editore “Armando”, un saggio dal titolo: La teoria autocentrica – analisi
del potere creativo, prefato dal filosofo Bruno Fabi, dove ha sviluppato un’innovativa teoria
dell’armonia dei contrari. Critico d’arte, Campegiani è giurato in alcuni premi letterari e ha curato
rassegne e collane per conto di Editrici e Gruppi culturali. Collabora a riviste, a blog letterari e ha
promosso manifestazioni artistico-letterarie, nonché eventi multimediali ed iniziative ecologiche.
Ha dato impulso a svariati cenacoli culturali e, nel 2005, insieme allo scrittore Aldo Onorati e al
sociologo Filippo Ferrara, ha dato vita al Manifesto dell’Irrazionalismo sistematico ispirato
all’opera del Maestro Bruno Fabi. E’ antologizzato in L’evoluzione delle forme poetiche (Kairòs
2013), una ricognizione sulla migliore produzione poetica nazionale dell’ultimo ventennio, a cura di
Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spagnuolo.

0 commenti:

Posta un commento