martedì 8 settembre 2015

Street Art Roma: viaggio nella riqualificazione territoriale e sociale della Città Eterna



Graffitismo e Street art si stanno scatenando, da qualche anno, nelle strade di Roma. Se il Time e The New York Times hanno accolto la notizia parlando, positivamente, di Ostiense District e Rome’s Graffiti Boom, la risposta italiana non è sempre stata entusiasta verso quello che si potrebbe definire il più grande fenomeno di riqualificazione urbana della Città Eterna.

“Street art is almost closer to classical art than contemporary art (...). It’s colorful. It’s representative. Contemporary art, from Duchamp on, is more conceptual Unlike street art in the United States or Britain, the focus is less on the message and more on the image“. Sono le parole di Omino71 nell'articolo uscito sul Time per mano di Stephan Faris.

Ma vediamo di fare un passo indietro e capire che cosa ha smosso gli animi e chi ha fatto scendere in piazza gli artisti.

A dirigere le danze vediamo, in prima linea, un progetto curatoriale e un'agenzia creativa. Si tratta, rispettivamente, di 999 e NUfactory.
999 nasce dall'esperienza e dalla passione di Stefano Antonelli e Francesca Mezzano con lo scopo di promuovere l'arte urbana contemporanea. Il progetto si articola in Avanguardie Urbane, lo spazio espositivo (999contemporary) e il Centro Studi sulle Arti Urbane Contemporanee. Avanguardie urbane ha come fulcro e oggetto di sperimentazione la città di Roma. Da Ostiense a Tor Marancia, molti sono stati gli edifici rinati grazie all'arte figurativa degli street artist chiamati a dare nuova vita a zone della città altrimenti lasciate al degrado o all'incuria.

Ostiense, che dal 2006 ad oggi ha cambiato volto grazie alla commistione tra atmosfera tradizional-popolare degli storici abitanti e radical chic dei nuovi residenti, si accinge a diventare (e per certi aspetti già lo è) il quartiere per eccellenza della street art romana.





Tor Marancia è un quartiere lontano dal percorso turistico e per questo abbandonato dalle istituzioni e destinato a diventare uno dei tanti quartieri dormitorio della capitale. Grazie al progetto, curato da 999, Big City Life, Tor Marancia sta tornando a splendere. I murales, fino ad oggi realizzati, sono la testimonianza di una riqualificazione territoriale ma soprattutto sociale.






NUfactory cura, fra i tanti progetti legati all'urban art, Outdoor Urban Art festival. Dal 2010 Outdoor è intervenuta in molti quartieri della capitale come Garbatella, San Paolo e la stessa Ostiense. L'agenzia ha inoltre curato il progetto Street Art Rome, con lo scopo di digitalizzare le opere di Street Art attraverso la catalogazione di immagini, seguite da approfondimenti critici e tematici per far sì che anche la Città Eterna possa essere annoverata tra le capitali europee di arte urbana. L'app Street Art Roma, disponibile su AppStore e Google Play, è stata invece curata dalla rivista Artribune, con il supporto di Toyota e il patrocinio dell'assessorato Cultura e Turismo.



2 commenti:

Rieccomi! Questo argomento mi appasiona molto! :)
Ostiense è un paradiso per gli occhi, dietro che anche la famossisma Lupa.

Bene Greta, grazie! arriveranno altri aggiornamenti :)

Posta un commento