domenica 28 luglio 2013

La ricerca di Yoshin Ogata



Svelando l'arte di Yoshin Ogata, si scopre il merito che la cultura europea ha avuto nel sollevare un'infinità di significati e una moltitudine di allusioni che ben si contrappongono e, talvolta, riempiono il linguaggio artistico giapponese dei primi del '900. Le sculture di Ogata sono blocchi essenziali, la cui luce si diffonde per poi raggiungere un particolare facendolo emergere dal contesto, elevandolo e imponendolo agli occhi dell'osservatore. Sono sculture astratte che rivivono degli echi letterari e artistici magici della metà degli anni '70. Siamo infatti in piena maturità e la splendida lucentezza dei marmi del Belgio, di Carrara o del rosso di Persia vengono modellati e levigati sulla base dei simboli ancestrali. I marmi partecipano dell'infinità cosmica mentre l'attrazione di Ogata si avvicina sempre più a quella nota delicatamente magica che muove il mondo, metafisica ricerca di un'entità spirituale superiore. 




0 commenti:

Posta un commento