martedì 8 gennaio 2013

Viaggio nel surrealismo di Jacek Yerka sulle note di Paul Klee e Cézanne

Una scoperta, se avviene in campo artistico, ha il merito di far emergere dall'oblio e ridare voce ad opere che, altrimenti, avrebbero vissuto nell'ombra. Non sembrerebbe questo il caso del pittore surrealista polacco Jacek Yerka, affermato e conosciuto soprattutto all'estero, mentre se guardiamo al panorama artistico contemporaneo italiano, Jacek Yerka sembra interessare una ristretta nicchia di pubblico. 

Eppure l'artista polacco, nato a Torun nel 1952, ha ripercorso le orme di Cézanne e Paul Klee. Del primo ritroviamo la monumentalità e la forza architettonica, mentre del secondo ritroviamo quello che Henri Michaux definisce la linea sogno: "non avevamo mai lasciato sognare una linea, fino a questo momento". Dallo scontro-incontro tra la geometria artistica e la linea sogno nascono dipinti dove l'interpretazione vince sull'oggettività. E' un surrealismo, quello di Yerka, che guarda all'astrattismo ed è, al tempo stesso, imbevuto di impressionismo

Il colore è puro e la luce tersa di un cielo profondo smaterializzano il quadro in sé e per sé, come fosse una continua evocazione fantastica, un flusso di pensieri, un'invenzione di luci e colori. Jacek Yerka sembra ricercare un'armonia tra presente e passato, nonostante abbia la consapevolezza di gestire un tratto semplicemente ed emotivamente innovativo e singolare. 







0 commenti:

Posta un commento