venerdì 15 giugno 2012

Tutti i racconti di Luis Sepulveda: dolce naufragare tra le sue parole


C'è sempre un certo timore reverenziale nel trattare la letteratura di Luis Sepùlveda, timore che nasce dalla consapevolezza di addentrarsi in una scrittura lirica spesso difficilmente interpretabile, dal momento che vengono alternati sapientemente realismo e magia creando una tensione poetica ritmica. Tuttavia il timore non compromette la lucidità e l'obiettività critica semmai acuìsce la volontà di sondare nell'immaginario dello scrittore cileno.

Tutti i racconti di Luis Sepùlveda, editi dalla casa editrice Guanda, sono l'occasione per ripercorrere la vita avventurosa e, in alcune occasioni tragica, di uno scrittore che raccoglie la sfida insita tra le concise e acuminate parole di Cortàzar: "il romanzo vince sempre ai punti, il racconto deve vincere per Knockout". Sepùlveda afferma che il racconto è narrazione pura. La composizione di un racconto è minata da continue difficoltà, angosce, paure, che potrebbero culminare nel parossismo. Da qui la capacità di riannodare i fili della situazione e far convergere i punti verso un unico orizzonte. 

Sepùlveda riesce a raccontare l'immaginario che da sempre ha abitato dentro di lui. Incontro d'amore in un paese di guerra, Vieni voglio parlarti di Pilar Solòrzano, Storia d'amore senza parole, Modi di vedere il mare, Caffè, per citare alcuni dei titoli che aprono la racconta di racconti, risentono di una poetica autobiografica che è lotta, rincorsa, sospiro, emozione, ma anche mistero e amore, quell'amore puro e genuino come la sua scrittura. 

A tal proposito vorrei riprendere le parole di Pino Cacucci (scrittore amatissimo, le sue pagine mi hanno tenuto compagnia in notti di caffé e sbalzi umorali) pronunciate nel 2008, in occasione della presentazione de La lampada di Aladino a Bologna: "In questi racconti trovo la costante lotta di Sepulveda contro l´oblio, trovo la sua stessa vita, anche se lui non ama definire la sua scrittura autobiografica: è un libro di storie che, in un´epoca in cui l´oblio sembra una regola di vita, recuperano la memoria".

Continuando il cammino ci si imbatte in racconti, come Testimonianze da Tola e Piccola biografia di un grande del mondo, in cui l'impegno civile riflette gli anni della militanza giovanile mescolandosi ad una certa ironica visione della vita. Rocambolesco invece Rolandbar, mentre rappresenta uno squarcio sanguinario nella vita dello scrittore il racconto L'Hotel Zeta.

La penna di Luis Sepùlveda ferisce la carta, coinvolge il lettore in un vortice di parole e storie circoscritte alla brevità del racconto ma infinite dal punto di vista contenutistico. L'immaginario dello scrittore cileno sembra sfociare in un mare che combacia con l'orizzonte; naufragare tra le sue parole diventa la più dolce avventura. 

2 commenti:

Sepulveda mi piace molto, sono felice di sapere che ha pubblicato dei nuovi racconti! E' sicuramente una forma espressiva che gli riesce bene.

Mi piace il suo immaginario. Ogni racconto, così come ogni romanzo, mi fa sognare!

Posta un commento