giovedì 28 giugno 2012

Il surrealismo magico di Tomasz Alen Kopera


L'eleganza evanescente fluttuante nel limbo, la dicotomia metafisica tra l'essere umano e la natura, la lotta, sanguigna ed estenuante, la forza, il potere, il dolore, la volontà e il desiderio. L'arte di Tomasz Alen Kopera è un mosaico di interpretazioni che ruotano attorno al surrealismo magico, più livelli di lettura si possono intravedere nelle sue opere, ed ognuna apre un mondo, favolistico e immaginario, in cui i miti e leggende si fondono con la tradizione artistica polacca (la terra d'origine di questo artista) e la complessità storica irlandese, dove attualmente vive. 

Tomasz Alen Kopera presenta una pittura metafisica specchio di un'arte interiore e cerebrale, distintiva tanto nel segno quanto nel contenuto. Nei suoi quadri i corpi umani si incontrano e si scontrano con la natura, la stessa si fonde con i corpi, li lega a sé fondendosi in movenze plastiche spezzate dall'energia del corpo. E' una lotta rabbiosa, una guerra efferata, quella tra l'umano e la natura, una ricerca che si risolve in uno stravolgimento emotivo, in un pastiche artistico in cui gli elementi provengono dall'immaginario e dall'interiorità dell'artista polacco. 

Ascoltando le parole di Kopera le sue ispirazioni derivano da "una natura umana e dai misteri dell'Universo". La battaglia tra umano e natura, tra le tenebre e la luce, non rivela vinti e vincitori. Tuttavia la mente acuminata Tomasz Alen Kopera stimola la riflessione, frugando nelle nostre più recondite conoscenze filosofiche e scientifiche. 






2 commenti:

In un certo qual modo vengono in mente i "pilastri della creazione". Non trovi?

Sai non avevo pensato a questo tipo di raffronto però sì... ricorda questa fotografia forse per quel qualcosa di rarefatto, di impercettibile eppure così vero così tangibile (non so se mi sono spiegata)

Posta un commento