domenica 20 maggio 2012

Diario della domenica: Stella di mare, Lucio Dalla

Lui sa perché.


Stella di mare 

Così stanca da non dormire 
le due di notte 
non c’è niente da fare 
mi piace tanto poterti toccare 
o stare ferma 
e sentirti respirare 
dormi già, pelle bianca 
come sarà la mia faccia stanca. 

Provo a girare il mio cuscino 
ma è una scusa 
per venirti più vicino 
e provo a svegliarti 
con un pò di tosse 
ma tu ti giri come niente fosse. 

E spengo la luce 
provo a dormire 
ma tu con la mano 
mi vieni a cercare 
tu come me 
tu come me. 

Che le stelle della notte 
fossero ai tuoi piedi 
che potessi essere meglio 
di quello che vedi 
avessi qualcosa da regalarti 
e se non ti avessi 
uscirei fuori a comprarti 
stella di mare 
tra le lenzuola
la nostra barca e non naviga, 
vola.

Tu, tu come me 
e tu voli con me
tu vola che si è alzato il vento
vento di notte, vento che stanca
stella di mare 
come sei bello
come sei bello 
e come è bella 
la tua pelle bianca
e tu, tu voli con me, 
tu voli con me
tu vola con me, 
vola amore mio
vola con me.

Chiudi gli occhi e non guardarti
intorno, sta già entrando 
la luce del giorno, 
e chiudi gli occhi 
e non farti trovare 
pelle bianca di luna
devi scappare.

Dormi ora, stella mia, 
prima che il giorno ti porti via.
Tu, tu voli con me, 
tu voli con me
Ora non voli 
si è fermato il vento
posso guardare la tua faccia stanca
e quando dormi 
come sei bello
come sei bello, 
e come è bella la
tua pella bianca, bianca, bianca.

Tu, tu, tu come me, 
eh tu, eh tu
come me, come me, 
tu voli, voli
con me, tu come me, 
tu vola con
me, vola con me, 
come me, tu, tu
come me.

Lucio Dalla

0 commenti:

Posta un commento